Flotte aziendali Audi

A4-Avant-agevolaz-fisc.jpg

Legge di Stabilità 2017. Deducete 140 investendo 100.

Chiunque abbia un’attività in proprio sa quanto sia importante monitorare l’andamento economico e finanziario per gestire al meglio le proprie flotte aziendali. Grazie alla Legge di Stabilità 2017, anche quest’anno sarà possibile fruire di vantaggiose agevolazioni fiscali per l’acquisto di nuovi beni strumentali. Venite a scoprirne tutti i benefici per la vostra attività professionale!

Di cosa si tratta

Con la Legge di Stabilità 2017 viene confermato un importante beneficio fiscale, già introdotto nel 2016, per gli acquisti di beni strumentali NUOVI, effettuati fino al 31 dicembre 2017. Per i soli soggetti titolari di reddito d’impresa e gli esercenti arti e professioni in cui l’automobile sia un bene strumentale, ovvero indispensabile per esercitare l’attività professionale (come nel caso di scuole guida, società di autonoleggio, tassisti, etc.), è prevista infatti la possibilità di maggiorare del 40% il costo dei beni strumentali acquistati ai fini della deducibilità dell’ammortamento o dei canoni di leasing, ottenendo così un beneficio fiscale grazie alla più veloce deduzione del costo di acquisto.

A chi si rivolge

La misura agevolativa è riservata ai soggetti titolari di reddito d’impresa e agli esercenti arti e professioni a prescindere dal regime contabile adottato (ordinario o semplificato), che necessitino di acquistare unicamente beni strumentali.
 
Approfittate delle agevolazioni sui nostri modelli richiendo maggiori informazioni.
 

Audi A4 Avant

563x317_AA4_A_151009.jpg
La nuova Audi A4 Avant sorprende grazie ad una sintesi inedita tra design e funzionalità, offrendo davvero molto di più.

Audi A3 Sportback

563x317_AA3_D_11109_1.jpg
Sempre un passo più avanti grazie al comfort offerto dai pacchetti Business di Audi A3 Sportback.

Audi A6 Avant

A6_Avant_563x317.jpg
Stile esclusivo ed elevata praticità: chi trascorre molto tempo a bordo della sua vettura sa quant’è importante godere del massimo comfort, sotto ogni punto di vista.

Audi Q3

563x317_AQ3_141018.jpg
Quando la tecnologia incontra il dinamismo, il risultato non può che raggiungere l’eccellenza.

Domande frequenti.

In quali casi il veicolo può dirsi "strumentale" all'attività di impresa?

Un veicolo è considerato “strumentale” all’attività d’impresa, nell’ipotesi in cui l’attività stessa non possa essere realizzata senza il medesimo. Le autovetture rappresentano beni strumentali all’attività e, pertanto, i relativi costi risultano interamente deducibili, per esempio per le imprese che effettuano attività di noleggio o attività di scuola guida (strumentalità per destinazione). Un veicolo è considerato “strumentale” per natura, quando è di norma non suscettibile di impiego al di fuori di un’attività produttiva. Rientrano in questa categoria tutti i mezzi cosiddetti ‘commerciali’, incluse le autovetture con immatricolazione in categoria N1, salvo quanto previsto in merito ai cosiddetti ‘finti autocarri’. In ogni caso, deve comunque essere verificato anche il requisito dell’inerenza del veicolo rispetto all’attività effettivamente esercitata da chi lo utilizza.

Il veicolo "strumentale" può essere utilizzato fuori dall'attività produttiva?

I veicoli qualificabili come “strumentali”, sia per natura che per destinazione, non sono suscettibili di impiego al di fuori dell’attività a cui gli stessi sono destinati, in quanto il Codice della Strada li definisce quali “veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse”. La violazione di tale principio (ad esempio, veicolo commerciale utilizzato per il trasporto di persone non addette all’attività) determina, in caso di controllo da parte delle Autorità fiscali o di P.S., l’applicazione di una sanzione amministrativa fino a € 1.596, più la sospensione della carta di circolazione fino a 6 mesi. Inoltre è possibile una segnalazione all’Agenzia delle Entrate, che potrebbe procedere a effettuare un accertamento fiscale.